G come Guadalajara


L'insediamento umano in Messico risale a più di 30.000 anni fa; da allora si succedettero svariati popoli, sia agricoltori della mesoamerica sia nomadi. Dopo la conquista spagnola, il Messico cominciò la sua lotta per l'indipendenza politica nel 1810. In seguito, per quasi un secolo, il paese è stato coinvolto in una serie di guerre interne e di invasioni straniere che hanno avuto un impatto forte in tutti gli ambiti della vita messicana. Per la maggior parte del XX secolo (principalmente per la prima metà) si assistette a un periodo di forte crescita economica nel contesto di una politica dominata da un unico partito politico.


La nostra ambasciatrice Lucia ci porta in Messico con le conchas.

Ingredienti

  • Lievitino:
    • 100 gr. di farina 00
    • 65 gr. di zucchero semolato
    • 60 ml. di acqua tiepida
    • 1 uovo intero
    • 20 gr. di lievito di birra fresco
  • Impasto: 
    • 250 gr. di farina 00 setacciata
    • 65 gr. di zucchero semolato
    • 1 pizzico di sale
    • 1 cucchiaino di estratto di vaniglia
    • 150 gr. di burro a temperatura ambiente
    • 50 ml. di latte tiepido
    • 1 uovo intero
  • Copertura:
    • 100 gr. di farina 00
    • 90 gr. di zucchero a velo
    • 90 gr. di burro a temperatura ambiente
    • 15 gr. di cacao amaro in polvere
    • 1 tuorlo d'uovo
    • 1 uovo intero

Preparazione:
Lievitino
In una ciotola profonda sciogliete il lievito di birra con l’acqua, unite la farina lo zucchero e un uovo. Coprite con pellicola e lasciate riposare in un luogo caldo e buio per mezz'ora o fino a quando il volume è aumentato e si sono formate le bolle. Tenete da parte.
Impasto
Mescolate la farina con lo zucchero, il sale e la vaniglia, poi aggiungete il latte e l’uovo, lentamente incorporate il burro fino a ottenere un impasto liscio ed elastico.
Coprite con un panno e lasciate riposare fino a quando il lievitino è pronto.
Integrate l’impasto al lievitino, in questa fase potrebbe essere necessario aggiungere un po' di farina se l’impasto è troppo morbido. La sua consistenza dovrebbe essere simile a una pasta brioche. Impastate per 10 minuti e lasciate riposare fino al raddoppio di volume.
Copertura
Mentre l'impasto raddoppia di volume, mescolate tutti gli ingredienti della copertura in una ciotola, fino a ottenere una pasta elastica. Dividete a metà l’impasto, in una metà della pasta aggiungete la polvere di cacao e mescolare. Coprite e tenete in frigo fino all’uso dei gusci.
Assemblaggio
Quando la pasta avrà raddoppiato di volume, sgonfiatela delicatamente impastando un paio di minuti.
Dividete l’ impasto in 8 palline del peso di 40 grammi, rotolate sul piano di lavoro e date una forma semicircolare, appiattendo lievemente con il palmo della mano delicatamente. Sistemate le conchiglie sulla teglia, tenendole separate circa cinque centimetri l'una dall'altra.
Prendete la pasta di copertura e dividetela in otto parti, stendete in otto dischi poco più piccoli del panino e coprite la superficie delle conchas. Fate una leggera pressione per far aderire bene la copertura. Spennellate la superficie delle conchiglie con l'uovo leggermente sbattuto. Fate delle incisioni con un coltello affilato creando la forma di una conchiglia o altre forme a piacere. Fate lievitare i pani fino al raddoppio di volume, circa 20-30 minuti. Cuocete in forno preriscaldato a 180 ° C per 20 minuti.

---
Ora tocca a voi!

F come Fortaleza


Anche se i suoi oltre 200 milioni di abitanti rendono il Brasile il quinto paese più popoloso del mondo, complessivamente il Brasile ha una bassa densità di popolazione. Questo perché la maggior parte della popolazione è concentrata lungo la costa, mentre nell'entroterra il paese è relativamente poco abitato, soprattutto in virtù della presenza della foresta amazzonica. La lingua ufficiale è il portoghese. La religione più seguita è il cattolicesimo, il che fa sì che il Brasile sia lo stato con il maggior numero di cattolici al mondo[7], seguita da una crescita notevole del pentecostalismo. La società brasiliana è considerata una società multietnica, essendo formata dai discendenti di europei, indigeni, africani e asiatici.


La nostra ambasciatrice Rosa Maria ci porta in Brasile con il quindim.

Ingredienti (per 6 quindim):

  • 6 tuorli d'uovo 
  • 2 uova intere 
  • 40 gr. di burro fuso 
  • 150 gr. di cocco grattugiato 
  • 120 gr. di zucchero
  • la scorza grattugiata di un limone verde 
  • 1 cucchiaio di succo di limone verde

Preparazione:
Montate i tuorli d'uovo e le due uova intere con lo zucchero finché non saranno gonfie e ben chiare. Aggiungete il cocco grattugiato, che avrete precedentemente bagnato per idratarlo, il burro fuso e la scorza e il succo di limone. Sbattete ancora per un paio di minuti e lasciare il composto riposare, coperto da un canovaccio, per un quarto d'ora. Preparate gli stampini monoporzione, o un piccolo stampo da ciambella che viene chiamato "quindão", ungendoli con burro fuso e cospargendoli di zucchero, in modo tale che quando sformerete i quindins scivoleranno facilmente senza rompersi. Sistemate gli stampini in una pentola capiente, versate acqua bollente immergendoli per 2/3 e cuocerli in forno caldo a 180° per circa 50 minuti o finché uno stecchino infilato nel centro non uscirà completamente pulito. Prelevate gli stampini dall'acqua, fateli raffreddare per una mezz'ora, poi delicatamente sformare i quindins e decorare con scorzette di limone.



In Brasile abbiamo cucinato per voi e mangiato per noi, i seguenti piatti:
video
Adeus